Ada Neiger

Al suo apparire in libreria alla fine del 1997, Lettera a un amico ebreo suscita subito largo interesse tra il pubblico dei lettori e dei critici: vi è chi condivide le posizioni di Romano, ma vi è anche chi gli contesta certe affermazioni e principalmente quella riguardante il genocidio degli ebrei, ritenuto un evento che con il trascorrere del tempo è divenuto ‘incombente’ e ‘ingombrante’. La presente indagine prende in esame la prima edizione del libro e la successiva pubblicata nel 2004 e corredata da un aggiornamento e da una prefazione. Largo spazio è dedicato alla Risposta a Sergio Romano. Ebrei, Shoah e Stato d’Israele di Sergio Minerbi del 1998, in cui l’autore, evitando toni accesi, vuol dimostrare come il provocatorio saggio di Romano sia “privo di una base storica fondata”.


Keywords: Pregiudizio, antisemitismo, antisionismo, Shoah, negazionismo